MSC Crociere e Abu Dhabi Ports stipulano un accordo per la concessione di attracco negli Emirati Arabi Uniti

MSC Crociere ha stipulato un accordo di lunga durata con Abu Dhabi Ports che sancisce il diritto di attracco delle navi da crociera presso gli scali di Port Zayed (Abu Dhabi), il principale scalo crocieristico degli Emirati Arabi Uniti, e di Sir Bani Yas Island, la più apprezzata oasi sulla spiaggia, a 170 km dalla costa degli Emirati.
L’accordo tra il Chief Executive Officer di MSC Cruises, Gianni Onorato e Noura Rashid Al Dhaheri, Direttore della divisione crociere di Abu Dhabi Ports, è stato firmato nella sede di MSC di Ginevra.
Gianni Onorato ha dichiarato: “Il nuovo accordo con Abu Dhabi Ports per i diritti preferenziali di attracco dimostra l’impegno a lungo termine di MSC Crociere nel Golfo e consolida ulteriormente la posizione della Compagnia come principale operatore crocieristico nella regione. “Abu Dhabi è un porto d’imbarco di grande importanza, oltre ad essere una destinazione molto richiesta per le visite nell’ entroterra durante le crociere invernali. Attualmente scaliamo il porto cittadino e l’isola di Sir Bani Yas con MSC Bellissima, tra le navi da crociera più avanzate al mondo dal punto di vista ambientale, e con MSC Lirica. “MSC Lirica tornerà ad Abu Dhabi e nel Golfo nell’inverno 2020-21, dove sarà affiancata dall’innovativa MSC Seaview, nave appositamente progettata per operare nei climi e nei mari più temperati. Nell’inverno 2021-22, invece, nella regione del Golfo impiegheremo la nave più grande della nostra flotta: MSC Virtuosa. Lunga 331 metri, sarà varata entro la fine dell’anno e potrà ospitare 6.334 passeggeri”.
MSC Seaview, la nave che dispone di maggior spazio usufruibile all’aperto, giungerà per la prima volta ad Abu Dhabi il 6 dicembre 2020 e il giorno seguente sarà sull’isola di Sir Bani Yas ed effettuerà 14 crociere tra il 2020 e il 2021 , con soste in Bahrain, in Qatar, negli Emirati Arabi Uniti e in Oman.
Nell’ultimo anno il terminal crociere di Abu Dhabi ha registrato un aumento del 47% di presenze e del 45% degli ormeggi nell’area in esame, con il picco più alto a dicembre 2019 con 8000 visitatori, con tre ormeggi in contemporanea, tra cui quello inaugurale di MSC “ Bellissima”.

Noura Rashid Al Dhaheri, Direttore della divisione crociere di Abu Dhabi Ports, ha dichiarato: “Il prolungamento della partnershi con MSC Crociere è una ulteriore testimonianza di un rapporto forte e consolidato e riflette la qualità dei servizi che forniamo ai principali operatori di crociere che scalano il Terminal di Abu Dhabi e l’isola di Sir Bani Yas. Il nostro successo nel incrementare notevolmente i volumi di passeggeri anno dopo anno testimonia il nostro impegno nel voler sviluppare una destinazione di crociera di livello mondiale.” “Con continui investimenti in infrastrutture e il milgioramento delle operazioni e dei servizi alle navi da crociera che scalano Abu Dhabi, abbiamo consolidato la nostra posizione quale principale destinazione nella regione del Golfo. Abu Dhabi Cruise Terminal sta infatti diventando lo scalo di rifferimento per i passeggeri intrnazionali che scelgono di concludere qui la loro crociera.” “Siamo determinati nel voler sviluppare ulteriormente la nostra offerta e a rafforzare l’unicità della nostra proposta sviluppando soluzioni flessibili e intelligenti per garantire a tutti i nostri ospiti le migliori esperienze.”

Ali Hassan Al Shaiba, FF del Direttore Esecutivo del turismo e del marketing presso il Dipartimento della Cultura e del Turismo del Governo di Abu Dhabi, ha aggiunto:”Questo accordo storico giocherà un ruolo significativo nel posizionamento di Abu Dhabi come destinazione top per le crociere nella regione. MSC Crociere è stato uno dei principali palyer che ci ha aiutato ad attrarre oltre 500.000 passeggeri nella capitale l’anno scorso, e non abbiamo riserve sugli sviluppi attesi per i prossimi anni. Continueremo ad impegnarci per fornire a MSC Crociere e a tutti i viaggiatori servizi eccezionali ed esperienze straordinarie durante la loro visita nella capitale degli Emirati Arabi Uniti.”